Ricrea.city usa i cookies per il login, la navigazione, gli acquisti e altre funzioni di tracciamento. Accetta per consentire i cookies.

I protagonisti
“Creatività è unire elementi esistenti con connessioni nuove, che siano utili”
Jules-Henri Poincaré, Science et methode, 1908

La prima edizione del Festival Ricrea si concentra solo su alcuni settori del vasto e variegato comparto dell’industria culturale e creativa, come anche su alcuni dei temi e delle problematiche che caratterizzano i processi di rigenerazione urbana.

I protagonisti principali sono i giovani.

  • Le studentesse e gli studenti delle Scuole Superiori di Ferrara che hanno accettato con entusiasmo di partecipare alle sfide di RiCrea. Protagonisti sono anche i loro professori, meno giovani, ma con ancora tanta voglia di sperimentare, dimostrando che la Scuola è creativa.
  • le imprese di giovani e le giovani imprese che abitano la Factory Grisù o che abbiamo coinvolto nel Festival.

Fra i protagonisti abbiamo anche chiamato persone di diversa provenienza ed esperienza.
Con loro Ricrea discute di imprese creative, di riuso e rigenerazione urbana, dei diversi problemi che rallentano le esperienze dal basso che stanno diffondendosi rapidamente e a macchia d’olio in tutta Italia, tra mille difficoltà e impedimenti amministrativi.

Si parla di imprese impossibili, come la re-invenzione di Favara, piccolo centro dell’Agrigentino, in decadenza e abbandono, oggi diventato la seconda meta turistica dopo la Valle dei Templi, ma vero centro pulsante di arte, creatività e relazioni culturali con il mondo.

Si parla di imprese incredibili, come la trasformazione di Medellin da città famosa nel mondo per la sua violenza a città normale, modello di rigenerazione e di inclusione dei cittadini, soprattutto dei più svantaggiati.

Si parla di Augmented City, un nuovo paradigma per agire nella città, che sarà caratterizzata da spazi collaborativi, ambienti aperti, infrastrutture resilienti e distretti intelligenti per aumentare la creatività delle persone coinvolte.

Si parla di Ferrara, delle sue esperienze pioniere di rigenerazione urbana, auto-promosse fin dal 2011, che hanno visto la collaborazione attiva di gruppi locali, associazioni, imprenditori e amministrazione cittadina per favorire il recupero e il riuso di edifici e di spazi, ma anche il sostegno a imprese innovative e start up tecnologiche.

Nei giorni del Festival si svolgono workshop tematici su molteplici argomenti:

  • la rigenerazione urbana molecolare, caratterizzata dall’azione e dal riuso di edifici di piccola scala, promossa da attori pionieri, associazioni culturali ma anche da consorzi di imprese locali;
  • la rigenerazione urbana di grande scala, che vede coinvolti istituzioni, grandi imprese, rilevanti soggetti del credito, per recuperare, rigenerando interi quadranti urbani, grandi aree dismesse o grandi complessi edilizi in degrado;
  • la rigenerazione urbana creativa, promossa da imprese innovative e start up digitali, alleate con associazioni e sostenute, a volte, da rappresentanze di categoria, che introduce nelle città un maggiore tasso di imprenditorismo tecnologico, digitale, culturale.

Obiettivo della prima edizione di RiCrea è di ragionare e discutere sui punti di forza di molti casi di rigenerazione urbana, ma anche sui tanti punti di debolezza, i colli di bottiglia legislativi, normativi, finanziari, sul sempre insufficiente favore amministrativo e fiscale verso chi si impegna in prima persona nel recupero e nella rigenerazione di spazi edilizi e ambienti urbani degradati.

Ricrea, con la sua Tavola rotonda finale, vuole consegnare ad istituzioni, decisori politici, rappresentanze di categoria, soggetti del credito e protagonisti della rigenerazione un vero e proprio Manifesto della Rigenerazione.

Ma a Ricrea si parlerà anche di come la scuola e l’università possano e debbano essere creative, contribuendo a formare cittadini pronti a recepire e interpretare le sfide del futuro. Si parlerà di questi argomenti mentre 200 studenti delle scuole superiori saranno impegnati in una maratona24orenonstop di creatività e mentre si svolgeranno perfomance di teatro sperimentale e di musica.

All’interno di Ricrea trovano spazio anche importanti realtà ferraresi come RemTech, una delle manifestazioni fierestiche più altamente specializzate di FerraraFiere, partner strategico di Ricrea o realtà culturali pioniere oggi sempre più consolidate e di grande successo come il Teatro Ferrara Off, oppure come l’Associazione culturale ilTurco, promotrice di forme avanzate di rigenerazione urbana e promotrice di nuovi festival di successo come InternoVerde.

Un corner è dedicato ad ANCESCAO, l’Associazione Nazionale Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti, che con il suo centro sociale di Corso Isonzo si qualifica come importante presidio all’interno del Quartiere Giardino.

Infine, durante Ricrea si svolge la prima diretta radio 72orenonstop della Web Radio Giardino, ospitata proprio all’interno della Factory Grisù e recentemente fondata da un nucleo multiculturale di giovani residenti nell’area.